“Nel tempo di mezzo” di M. Fois – ed. Einaudi

La storia della famiglia Chironi
inizia con “Stirpe”, prosegue nel “Tempo di mezzo” e si conclude con “Luce perfetta”, l’ultimo romanzo di Marcello
Fois.

E’ un’epopea familiare in cui è possibile,a ciascuno di noi e a volte, riconoscersi; in ogni caso permette di cogliere il cambiamento nel tempo delle tradizioni e dei comportamenti.

Il libro è diviso in 4 parti-periodi: dal 1943,anno della fame e della malaria, anno dell’arrivo del ventisettenne Vincenzo da Trieste a Nuoro al 1978, quando nasce il figlio che permetterà di continuare la stirpe apparentemente destinata ad estinguersi.

Vincenzo approda munito di un vecchio documento che certifica la sua data di nascita e il suo nome: ritroverà se stesso diventando, nella famiglia del nonno, un autentico Chironi. Gli anni di orfanatrofio dove la mamma l’aveva ricoverato ” per salvarlo dagli stenti” diventano lontani.

Accanto a lui figure straordinarie: padre Virdis,il nonno Michele Angelo, maestro del ferro, la zia Marianna singolare per la sua attenzione ai vivi e il suo costante contatto con i morti e le loro cose,Cecilia, la donna di cui si innamora, l’unica a lui proibita.

E c’è Nuoro, nella sua aspra bellezza, i suoi  abitanti chiusi e dignitosi e capaci di affrontare i colpi del destino e della vita.

La storia è avvincente e scritta in modo, secondo me, splendido. Spesso merita una particolare attenzione per non dimenticare le parole, le frasi.

 pagg.263

La segnalazione è di G. Alberti